Polizza responsabilità civile

La polizza di responsabilità civile Capofamiglia, tutela la famiglia contro le richieste di risarcimento per danni (lesioni a persone, danneggiamento a cose, danni contro animali) che possono essere provocati da uno dei membri del nucleo familiare nella vita privata.
Essendo una polizza di assicurazione per la responsabilità civile, non rientrano nella polizza i danni subiti dai membri del nucleo familiare, che non sono considerati terzi dal Codice Civile, né le spese per tutti i danni che possono essere contestati in sede penale.

Le attività comprese nella polizza di responsabilità civile capofamiglia sono: le attività extra lavorative, la pratica di attività sportive o del tempo libero considerate non pericolose, può, se espressamente indicato, ricomprendere anche la proprietà dell’abitazione (ovvero delle abitazioni), e la conduzione dell’abitazione, il possesso di animali domestici.
Sono considerati componenti del nucleo familiari, e quindi rientranti sotto l’ombrello assicurativo, anche i collaboratori domestici e le persone alla pari.
In alcune polizze di responsabilità civile del capofamiglia è compreso anche il cosiddetto ricorso terzi da incendio, ovvero la responsabilità civile per danni a terzi causati da un incendio che ha avuto inizio dalla propria abitazione.

Le principali esclusioni delle polizze di responsabilità civile capofamiglia riguardano: le attività professionali, la conduzione di veicoli per i quali è obbligatoria la polizza RCA, alcune attività sportive ritenute particolarmente pericolose, (tra queste l’attività venatoria, anche se alcune polizze di RC capofamiglia la contemplano), le attività dolose, la proprietà di alcune razze di animali.
Tra le possibili estensioni di queste garanzie vi sono; l’attività di insegnamento, l’attività di B&B, la proprietà e gestione di aree gioco, piscine, ecc.